Capodanno:

come lo vivono gli animali 

Ogni anno almeno 5000 animali muoiono nella notte di San Silvestro per colpa dei ‘botti’. Tra questi circa 1500 sono cani e gatti.

(Fonte: ANSA – Roma, 27 dic. 2010).

 

Stop ai botti di Capodanno: «Fanno morire i cani vecchi»

Petardi, miccette, girandole: l'incubo degli animali. Mentre tutta Milano scende in piazza per festeggiare, sono tanti i cani terrorizzati che trascorrono la notte di Capodanno a tremare come foglie o a girare senza pace da un angolo all'altro del cortile. Qualcuno, tra i più anziani con il cuore debole, non ce la fa a reggere allo spavento dei botti. Stessa sorte per gli uccelli o per altri piccoli animali che non sopportano lo stress dei «bombardamenti» della mezzanotte.

(Fonte: Il Giornale.it, 5 nov. 2011)

 

Chi ama la natura e gli animali preferisce il botto dello spumante.

I botti sono causa di morte, ferimenti e traumi per cani, gatti, animali domestici ed uccelli. Lo scoppio dei botti in piena notte causa agli animali danni inimmaginabili; negli uccelli un botto causa uno spavento tale che li induce a fuggire dai dormitori (alberi, siepi e tetti delle case), volando al buio alla cieca anche per chilometri, andando a morire sfracellati addosso a qualche muro, albero o cavi elettrici; quelli che riescono ad atterrare o a posarsi in qualche albero spesso muoiono assiderati a causa delle rigide temperature invernali ed alla mancanza di un riparo.

Nei gatti e nei cani, un botto crea forte stress e spavento tali da indurli a fuggire dai propri giardini e recinti, per scappare dal rumore a loro insopportabile, finendo spesso vittime del traffico o di ostacoli non visibili al buio. Negli animali degli allevamenti come mucche, cavalli e conigli, le conseguenze delle esplosioni possono provocare nelle femmine gravide addirittura l'aborto da trauma da spavento.

 

A San Silvestro chi possiede cani e gatti deve seguire alcuni accorgimenti: se si tratta di gatti, è bene tenerli in luoghi tranquilli e sicuri, possibilmente chiudendo le finestre in modo che anche i bagliori, oltre ai rumori, siano diminuiti.

(Fonte: Trieste.Com, 23 dic. 2010)

 

Se avete adottato di recente un cane da un canile, ricordatevi che in passato potrebbe essere stato maltrattato, spaventato o abbandonato da un cacciatore – perché non adatto alla caccia – e quindi i rumori simili a spari o colpi potrebbero innescare in lui reazioni di terrore del tutto imprevedibili.

(Fonte: Gattivity.blogosfere.it, 29 dic. 2006)

Attenzione ai botti inesplosi!

Nei primissimi giorni dell'anno nuovo, fate molta attenzione ai botti inesplosi che potrebbero trovarsi lungo i marciapiedi, le strade o in altri luoghi: durante la passeggiata, il cane può esserne incuriosito (sono oggetti mai visti e con un odore insolito) e quindi avvicinarsi molto per toccarli o annusarli, col rischio che questi botti possano esplodere proprio in quel momento se sollecitati. Se sul terreno non c'è neve e e non ha piovuto, non permettete al vostro cane di avvicinarsi troppo!

​Consigli importanti 

Se il mio cane ha paura dei botti, come posso aiutarlo?

 

1. Tienilo in casa!

Se lo tieni in giardino rischi che il tuo cane tenti di scappare. In conseguenza a questo, il cane di una mia amica è rimasto impiccato infilando il collare sullo spuntone di una recinzione. Non è riuscito a liberarsi, nessuno se n’è accorto ed è morto soffocato. L’ANSA denuncia 1.500 morti tra cani e gatti.    

Meglio non correre il rischio.

 

2. Chiudi le finestre, abbassa le tapparelle, accendi la TV o alza il volume della musica

Serve ad attutire e coprire il rumore dei botti. Invita degli amici, soprattutto se il tuo cane li trova simpatici. La loro allegria ed il baccano che faranno serviranno a creare una allegra confusione.

 

3. Svolgi i suoi esercizi preferiti

Se la paura non è esagerata e sei uno che col cane ci gioca, in questo modo gli insegni che i botti non sono nulla di così preoccupante. I giochi più indicati in genere sono il tira e molla, il lancio delle palline o di oggetti di stoffa, il clicker training.

Ricorda: devi giocare! Diveriti! Questo fa circolare tra voi emozioni positive!

 

4. Mostrati sicuro e tranquillo

Se fossi impaurito da qualcosa come dovrebbe comportarsi chi ti è vicino per infonderti sicurezza? Per il tuo cane sei un’ancora di salvezza in quel momento e l’ultima cosa di cui ha bisogno è che ti lanci verso di lui con fare ansioso a dirgli “poverinooo!…”. Poggia una mano su di lui come per dire “è tutto a posto”, mentre rilassi spalle e mandibola. Ricorda: le emozioni si comportano come virus: se ti fai prendere dall’ansia gliela trasmetterai e amplificherai le sue paure.

 

5. Microchip e medaglietta!

Se non li ha, vai immediatamente dal veterinario (per il microchip) e dal negoziante (per la medaglietta). Nel caso in cui durante una passeggiata, in questi giorni di feste, dovesse scappare in reazione ad un botto, hai almeno qualche probabilità di ritrovarlo.

 

6. Finito Capodanno, rivolgiti ad un esperto!

Non può accadere questo tutti gli anni! Il tuo cane ha bisogno di aiuto: rivolgiti ad un esperto! Vi aiuterà a superare o se non altro a gestire questa situazione di grande infelicità per il tuo cane.

 

7. Diffondi cultura

Ognuno può fare la differenza! Sui cinquemila animali che muoiono ce ne sono milioni che soffrono. Sparare botti a Capodanno è un’usanza barbara considerata la grande sofferenza che procurano. Se la gente continua a farlo è solo per ignoranza e il nostro primo compito è cercare di far capir loro che non è un comportamento così evoluto. Quindi, non acquistare i botti, non usarli e condividi la tua opinione con gli amici. Se hai un profilo Facebook, Twitter o un blog condividi le notizie relative a questo argomento per contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica.

 

(Fonte: ThinkDog)

Altri articoli

Chi siamo per il nostro cane?

Premiare il cane non è solo

dare cibo!

Il cane e i "pericoli" del Natale